OGGETTI DEEP SKY VISIBILI CON IL BINOCOLO

OCCHIO NUDO BINOCOLO TELESCOPIO


DIREZIONEOGGETTOCOSTELLAZIONETIPODESCRIZIONE
EstM35GemelliAAAmmasso aperto, localizzato ai piedi del gemello Castore. Estremamente ricco di stelle. Dista 2.200 A.L.
Sud-EstM38AurigaAALe stelle sono distribuite nell’ammasso con una curiosa forma di una croce. Dista 4.300 A.L.
Sud-EstM36AurigaAAMetà del M38. Localizzato in una zona della Via Lattea, molto ricca di stelle. Dista 4.100 A.L.
Sud-EstM37AurigaAAAmmasso stellare molto bello. Ricco di stelle. Dista 4.400 A.L.
Sud-EstM42OrioneNDGrande Nebulosa di Orione. Visibile già ad occhio nudo, come una stella sfocata, situata fra altre due stelle. Al centro sono visibili 4 stelle, chiamate "trapezio". E' un centro di formazione di nuove stelle. Spettacolare al telescopio Contiene più di 700 stelle. Dista 1.500 A.L.
SudCerchiettoPesciASTGruppo di 7 stelle a forma di cerchio, che rappresenta il corpo del pesce meridionale. La stella TX Pescium, è una gigante rossa variabile che, vista al binocolo, appare di colore arancione.
SudMiraBalenaVFamosa stella variabile di lungo periodo. Magnitudine varia da: 3,0 a 10,1 ogni 332 gg.
Ovestξ CygniCignoVGigante rossa pulsante di lungo periodo. Magnitudine varia da: 3,3 a 14,2 ogni 407 gg
OvestM39CignoAAAmmasso aperto, composto da stelle giovani, all'inizio della loro evoluzione. E' facilmente visibile. E' localizzato dietro il Cigno, non lontano dall'equatore galattico. Dista 900 A.L.
Ovestε LyraeLiraSDDoppia “doppia”, in pratica è un vero e proprio sistema quadruplo. Al binocolo si può vedere come due stelle, distanti 3,5'. Dista 180 A.L.
OvestBarra di GiobbeDelfinoASTCurioso nome dato alla disposizione rettangolare di 4 stelle.
OvestM2AquarioAGAl binocolo assomiglia ad una stella sfocata. E' collocato al limite dell'alone di ammassi globulari che riveste il centro della galassia. Dista 50.000 A.L.
OvestCr399VolpettaAAAmmasso di Brocchi noto come “Attaccapanni”. Non è un vero ammasso aperto.Dista da 218 a 1.140 A.L.
ZenitM31AndromedaG“Galassia di Andromeda”. E’ l’oggetto più distante visibile ad occhio nudo. E' a forma di spirale, ma ci appare come una macchia sfocata, leggermente ovale. Ha un diametro di 150.000 A.L. e contiene oltre 300 mld di stelle. Dista 2,5 mio A.L.
ZenitM15PegasoAGIl più bel ammasso del cielo settentrionale. Molto visibile perché estremamente brillante. Contiene almeno 30.000 stelle. Ha un diametro di 160 A.L. La parte centrale è oscurata da una nube di polvere interstellare. Dista 23.000 A.L.
ZenitDoppio ammassoPerseoAA“Doppio Ammasso di Perseo” classificati come NGC 869 & 884. Visibili ad occhio nudo, come due piccole macchie sfocate. Eccellenti al binocolo. Composto da supergiganti. La stella più luminosa è 60.000 volte più brillante del Sole. Nel NGC 884 si osservano 4 supergiganti rosse. I due oggetti sono visibili nello stesso campo. Dista 7.400 A.L.
ZenitM34PerseoAAAmmasso aperto abbastanza sparpagliato, composto da parecchie stelle. Ha un'area aperta grande come la Luna piena. Dista 1.400 A.L.
ZenitMelotte 20PerseoAALa componente principale è Mirfak, la stella alfa del Perseo. Ha la forma di una grande "S". Bello e facile da osservare.
Nord-Ovestμ CepheiCefeoVStella variabile conosciuta anche con il nome di "Stella Granata". Una delle stelle più rosse del cielo. E' la stella più grossa conosciuta. Il suo raggio è largo come tutto il Sistema Solare. Magnitudine varia da: 3,4 a 5,1 ogni 730 gg. Dista 1.800 A.L.
Nord-Ovestν DraconisDragoSDStella doppia di colore bianco. Una delle più belle stelle doppie visibili al binocolo. Dista 100 A.L.
Nord-OvestM13ErcoleAGIl più bel ammasso del cielo settentrionale. Molto visibile perché estremamente brillante. Contiene almeno 30.000 stelle. Ha un diametro di 160 A.L. La parte centrale è oscurata da una nube di polvere interstellare. Dista 23.000 A.L.
Nord-OvestM92ErcoleAGAmmasso globulare più piccolo e meno brillante di M13. Usare il telescopio per risolvere le sue stelle.
Nord-EstMizar & AlcorOrsa MaggioreSDAl binocolo si vedono 2 stelle. Non è una binaria. Mizar ha una compagna di magnitudine 4,0
----Luna--------Al 5° giorno sono visibili i mari della zona orientale ed alcuni crateri. E' il momento in cui è possibile osservare la "luce cinerea": la parte in ombra sarà visibile ed avrà un colore grigio-cenere. Al Primo Quarto, il Sole illumina gli Appennini ed i crateri posti al centro del satellite. Al 9° giorno, sono illuminati i crateri più belli della superficie lunare. Tra il Primo Quarto e la Luna Piena, entrano in scena i paesaggi più belli. La Luna piena, sono visibili tutti i mari, i monti ed i crateri. Non è la situazione ideale, perchè i raggi di Sole arrivano perpendicolari e la superficie del satellite appare appiattita e tutto risulta meno evidente. Le principali formazioni superficiali sono decisamente più visibili in prossimità del "terminatore", il confine tra la zona illuminata e la parte scura.


Per maggiori informazioni sugli oggetti visibili nella serata, suggeriamo di visitare le apposite sezioni.

COSTELLAZIONI OGGETTI MESSIER

SIGLE OGGETTIGLOSSARIO
AA = ammasso apertoA.L. (Anno Luce)Distanza percorsa dalla luce in un anno (velocità: 300.000 Km/sec) = oltre 9.460 miliardi di Km
AG = ammasso globulareAmmasso apertoUn gruppo di qualche decina o centinaia di stelle “giovani”
AST = asterismoAmmasso globulareUn gruppo di alcune migliaia di stelle “vecchie”, riconoscibile per la tipica forma a palla
COST = costellazioneAsterismoformazioni di gruppi di stelle all'interno di costellazioni maggiori
G = galassiaCircumpolareStelle o costellazioni che si trovano vicine al Polo Celeste, quindi sono visibili per tutta la notte
ND = nebulosa a diffusioneCongiunzioneAllineamento di 2 corpi celesti, tale da presentare la minima separazione angolare visibile dalla Terra
NP = nebulosa planetariaCostellazioneUn’area definita del cielo, contenente un disegno/motivo fatto dalle stelle
S = stella singolaEclitticaIl percorso del Sole sulla sfera celeste, così come è visto dalla Terra
SD = stella doppiaElongazioneSeparazione angolare di due corpi celesti
V = stella variabileGalassiaUn insieme di diversi miliardi di stelle, tenute insieme dalla gravità
VD = variabile doppiaMagnitudineLa luminosità di un oggetto celeste, così come ci appare nel cielo
Nebulosa a diffusioneUna nuvola di gas illuminata da una stella vicina
Nebulosa planetariaNuvola di Gas espulso da una stella, alla fine della sua vita
OpposizionePosizione di un corpo celeste nel cielo, rispetto al Sole
Stella doppiaDue stelle, che appaiono molto vicine.
Esistono due varietà: “Stella Binaria” = corpi attratti reciprocamente dalla gravità, orbitano l’uno sull’altro.
“Doppia Ottica” = Vicine solo apparentemente, per un effetto di prospettiva, ma in realtà sono molto lontane.
La separazione apparente di stelle è data in <secondi d’arco ( “ )>
Stella variabileStella che cambia luminosità in un determinato periodo di tempo
U. T (Universal Time)Tempo Universale – Sistema di datazione utilizzato in astronomia