Cosa osservare stasera sulla Luna

La Luna stasera
La Luna stasera

Giorno lunare 04

Aumentano sempre più le strutture che possiamo osservare sul suolo lunare. Infatti partendo dalle regioni più settentrionali abbiamo i crateri Democritus, Gartner, Hercules ed Atlas. Degni di nota inoltre il Lacus Mortis ed il cratere Burg.

Superato il lacus Sommniorum vediamo le regioni situate ad oriente del mare Serenitatis tra cui Posidonius, i monti Taurus ed i monti Argaeus.

Entriamo nel mare Tranquillitatis e successivamente nel mare Nectaris, sulla cui sponda SUD notiamo il cratere Fracastorius.

Da osservare: Crateri Messier A e B (questi anche Pickering), localizzati nella parte ovest del Mare della Fecondità. Sono particolarmente interessanti per la loro forma ellittica e l'interno complesso. Due raggiere partono da 'Messier A' e si dirigono verso ovest per un centinaio di km. La causa di ciò e della ellitticità dei crateri può essere imputabile ad un impatto obliquo da parte di un piccolo asteroide doppio o un nucleo cometario.

Da seguire durante l'intera lunazione, specialmente per determinare la visibilità delle raggiere con il Sole a differenti altezze.

Luna Crescente
Luna crescente

E' molto difficile osservare la Luna nuova all'inizio del suo ciclo.

Bisogna aspettare che passino circa due giorni.
In questa fase infatti la Luna &eegrave; molto bassa sull'orizzonte, avvolta nel chiarore del crepuscolo.

Lungo la linea del terminatore si possono notare alcuni punti brillanti isolati nella parte oscura.
Si tratta di zone particolari:

  • l'orlo di crateri ancora in ombra;
  • cime di montagne isolate, abbastanza alte da ricevere la luce del Sole.

Nella zona non illuminata si possono notare alcune particolarità: le estremità della falce lunare, i "corni", non si estendono fino ai poli.
Infatti essi sono circondati da alte montagne, che fanno si che alcune zone non ricevano mai la luce del Sole.

Sulla parte oscura dei terminatore si trovano alcune cime isolate di montagne, che ricevono la luce del Sole per la loro altezza elevata.

Se il cielo è sufficientemente scuro, nei primi giorni di luna nuova è possibile intravedere anche la parte che è in ombra grazie alla cosiddetta luce cinerea.
La luce cinerea non è altro che il riflesso della luce che la Luna riceve dalla Terra illuminata dal Sole.
La Terra ha una superficie circa 15 volte più estesa di quella della Luna e la sua atmosfera, ricca di nuvole bianche, ha un alto potere riflettente.
Per questo la luminosità della Terra vista dalla Luna è 75 volte maggiore di quella della Luna vista dalla Terra; come si può notare dalle immagini della Terra ripresa dallo spazio.
Ne consegue che lo splendore della Terra è sufficiente a rendere visibile anche la parte in ombra della Luna.

I crateri visibili
CRATERE
OSSERVABILE CON
telescopio
binocolo
telescopio
telescopio
telescopio
telescopio
telescopio
telescopio
telescopio
Le pianure visibili
PIANURA
OSSERVABILE CON